Skip to main content

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Dialogare, formare, contrattare: il lavoro come strumento di pace” AID: 11604

Il progetto intende creare un contesto favorevole alle relazioni industriali e al dialogo sociale al fine di promuovere condizioni di lavoro dignitose nella regione, favorendo l’inserimento nel mercato del lavoro e l’aggregazione giovanile e rafforzando le competenze professionali dei giovani e delle donne.

Il progetto ha due componenti principali:

1) favorire l’inserimento e/o il ricollocamento lavorativo e opportunità di lavoro dignitoso di donne, giovani e persone con disabilità attraverso percorsi di formazione ed aggiornamento professionale, rafforzamento delle competenze dello staff coinvolto e percorsi di dialogo sociale che coinvolgano tutti gli stakeholder;

2) aumentare la consapevolezza e le informazioni sui diritti dei lavoratori, l’occupazione inclusiva e dignitosa e socialmente protetta. Il progetto punta quindi a rafforzare la partecipazione della fasce più deboli della popolazione allo sviluppo socio economico locale, garantendo adeguata rappresentanza nella selezione dei beneficiari e nella realizzazione delle attività previste, in particolare donne e disabili.

Località: Asmara, Massawa.

Finanziato da: AICS sede Khartoum.

Realizzato da: Nexus Solidarietà Internazionale Emilia Romagna (Nexus ER) Capofila; Istituto Sindacale per la Cooperazione allo Sviluppo (ISCOS), Progetto Sud (PROSUD), Volontariato Internazionale per lo Sviluppo (VIS).

Altri partners: CGIL, CISL, UIL, ITUC-Africa.

Partner locale: National Confederation of Eritrean Workers (NCEW).

Il progetto è partito il primo ottobre 2019 e avrà una durata di 24 mesi.

I beneficiari: prioritariamente le persone appartenenti alle categorie più vulnerabili della popolazione quali donne, giovani, disoccupati e persone con disabilità. L’azione si compone di una componente di genere molto forte, tale per cui non meno del 50% dei beneficiari diretti delle attività sarà costituito da donne ed a garanzia di percorsi equi ed inclusivi, circa il 5% di persone con disabilità saranno i beneficiari diretti delle medesime attività. Beneficeranno del programma anche quadri, funzionari, rappresentanti di basic union, iscritti a NCEW, rappresentanti di imprese e funzionari e tecnici delle istituzioni locali che verranno, sin dalle prime fasi del progetto, coinvolti nella programmazione e realizzazione delle attività previste, sia direttamente che indirettamente.